www.brixien.com


Vai ai contenuti

Vergogna2008

Pensieri in libertà

Vergogna

dal libro del profeta Luka
1,0

Per Ragioni Commerciali Il Governo Canadese ha detto :


"L'Uccisione dei cuccioli di Foca è ammessa per ragioni economiche".

Bene.....
Bene un Cazzo......


"VAFFANCULO"!

Allora ,IO ,per ragioni economiche vorrei fare ai figli dei canadesi ciò che loro fanno ai cuccioli di foca, ma siccome credo che l'intelligenza prevalga sull'istinto animale rispondo con una frase del mio avo
Leonardo da Vinci

"Verrà un tempo in cui considereremo l'uccisione di un animale con lo stesso biasimo con cui consideriamo oggi quella di un uomo."

Ed Io quel giorno ci sarò , e vi condannero a catena perpetua "
CANADESI ASSASSINI INFAMI "




Ho sentito piangere i Delfini.
Ho sentito piangere i Delfini ,come piangono gli uomini che perdono i propri cari.
Ho sentito Urlare i Delfini.
Come quando vengono dilaniati gli uomini in guerra.
Ho sentito soffrire i Delfini
Come soffrono gli uomini.

Basta!........
Basta!............
Basta!.....................

Fino a Quando?

VAFFANCULO GIAPPONESI !!

Mi vergogno di voi.

"
GIAPPONESI ASSASSINI INFAMI"

luka

La Vergogna 5 mag 2008

dal libro del profeta Luka
2,0

Venrdì 2 maggio sono partito per raggiungere Euskadi (paese basco) per ragioni di lavoro.
Il viaggio in macchina è stato anora una volta una fonte inesauribile di scoperte e riflessioni.
Sapete, viaggiando in macchina si vedono paesaggi e varie cose che con altri mezzi difficilmente si riuscirebbero a vedere.
Dall'ultimo viaggio in macchina verso Euskadi è passato poco più di un anno e mezzo.
In Italia e cambiato poco , per la verità nulla.
Anzi è aumentata esponenzialmente la spazzatura di Napoli.
Mentre negli altri due paesi che ho attraversato in macchina, ho visto due paesi in fase di sviluppo di accrescimento infrastrutturale, in poche parole Vivi.
In Francia ho notato ed ho potuto verificare l'incremento se non il raddoppio di centrali eoliche e non mi sembra che il paesaggio ne subisca.
Dalla Francia un esempio di come abbandonare le centrali nuclerai , a fovore di qualcosa di più sicuro ed innegabilmente meno inquinante.
Invece qui in italia paese di cadaveri politici e progetti cancerogeni , ci si ostina con gassificatori, parola che riporta alla mente le camere a gas, e centrali termonucleari di nuova generazione.
In Euskadi addirittura dopo le centrali eoliche , si stà iniziando a pensare alla centrale solare comunale.
Ho potuto visitare un paesino di circa 1500 anime, dove con intelligenza e senso di rispetto dell'ambiente hanno costruito una centrale solare, con pannelli che fanno quello che da sempre fanno i girasoli,e cioè, trasformare l'energia di irraggiamento del sole in energia ad uso proprio, in questo caso energia elettrica.
Il comune ha già strapagato l'impianto chiudendo il mutuo di cinque anni di cui parte importante sovvenzionato dalla comunità europea.
I cittadini pagano praticamente nella bolletta il soli costi di manutenzione e del personale, (due persone)
Visionando una bolletta non ho potuto far altro che notare che il loro costo kwh è praticamente poco più di un terzo del nostro.
Mentre qui i comuni deturpano il loro territorio perchè reputano l'edificabilità del territorio l'unica fonte di introiti possibile, per poi accendere mutui trentennali indebitando sempre più il comune per le generazioni a venire.
Certo se fossimo in un paese ,non dico avanzato, ma libero dalla cancrena statalista e romanocentrica, credo che anche qui le cose andrebbero per il verso giusto.
Ma ne dubito fortemente visto il genere di politicanti che abbiamo qui da noi.
Tant'è che concludendo, hoi visto cose che voi italiani non potete nemmeno immaginare ho visto paesi che crescono e si sviluppano
Luka


La Vergogna 22 mag 2008

dal libro del profeta Luka
2,1
Attenzione!
L'occhio vigile del sottoscritto è sempre attento.
Abbiamo iniziato già sulla cattiva Strada.
Il primo consiglio dei ministri si è appena concluso.
Commentando quello che ne è uscito, posso dire che abbiamo iniziato la marcia a piccolissimi passi.
Però, come succede normalmente, quando si tenta di rimettere in sesto un catorcio, qualcosa inevitabilmente va storto.
Mi riferisco in particolare all'aiutino alle banche , fatto passare come mano tesa alle Famiglie Bisognose.
Mah!!!
Se davvero si voleva aiutare le famiglie bisognose si diceva alle banche, la rata la riporti a quella che era all'inizio del 2006, il mutuo automaticamente passava a tasso fisso, e venivano restituiti tutti i soldi indebitamente incassati in questi due anni e soprattutto senza spese per i mutuati.
Ma, come sempre ,il difetto dello stato italiano si è palesato di nuovo, forte con i deboli e debole con i forti.
Siamo sulla cattiva strada dicevo, occhio che siete l'ultimo governo che potrà fare qualcosa , dopo di voi ci sarà inevitabilmente lo scioglimento di questo stato catafalco.
Il peggio è che come sempre si sbandiera una cosa per quella che non è, ed è questo che maggiormante fa incazzare la gente.
Attenzione , ci vantiamo di essere un pò più inteliggenti di voi politici e certe cosa non ci scappano.
Ah!, dimenticavo, solo due righe di commento, sulla detassazione degli straordinari.
rispondo con una frase delle mie parti:
"pioè tost che nient l'è mej pioè tost" traduco per i non poliglotti, piuttosto che niente e meglio piuttosto.
però si poteva e sì doveva fare di più.
Situazione rifiuti di Napoli,"chi è causa del suo mal pianga se stesso".
Non si vuole fare le discariche , non si vogliono fare gli inceneritori, non si vuole fare la raccolta differenziata, si da tutto in mano alla malavita per lo smaltimento disorganizzato, si pretende con arroganza tipica dei vituli che tutto si può fare del tutto è lecito purchè sia fuori dalla mia zona.
Il concetto che deve passare è tu produci rifiuti tu te li devi smaltire.
Ovviamente il tutto nel pieno rispetto delle regole e delle norme che tutelino la salute.
Ora ho capito il perchè di tanti anni senza muovere un sacchetto di sporco.
Ma tantè che sono sempre dell'idea che purtroppo se non si capisce questo l'unico modo è quello di imporlo a tutti i costi.
come disse mio nonno , tai cò tate crape.
sè edòm.....

Luka


Baita del Brixien | Archivio | Personale | Pensieri in libertà | Idiomi | tempoLibero | Mappa del sito


Menu di sezione:


Copyright © ,LuKaSoft | info@brixien.com

Torna ai contenuti | Torna al menu